vedi tutti

La prima giornata dei Campionati Italiani Promesse di Firenze si chiude con quelle emozioni che solo l’atletica sa regalare, in grado di ripagare tutti i sacrifici e i sacrifici di tutti.

Succede che le nostre ragazze vincono la medaglia d’oro nella 4×100, al termine di una gara da brividi e che toglie il fiato.

Il racconto dell’ottima giornata di gare deve iniziare necessariamente dalla fine, in attesa delle finali di domani, domenica 12 giugno.

Elisa Frigerio, Sofia Wieland, Giulia Piazzi e Lucrezia Lombardo sono le splendide protagoniste di una vittoria difficile da pronosticare ma anche solo da pensare. All’ultimo cambio, l’Atletica Lecco-Colombo parte davanti con la sua atleta più forte. Il secondo posto sembra già un ottimo risultato, ma Lucrezia Lombardo non è d’accordo. Spinge e rimonta, recupera metro su metro e, in versione Filippo Tortu, si butta sul traguardo spalla a spalla con Veronica Besana. Il fotofinish premia gli audaci: stesso tempo di 47.37, ma i millesimi assegnano l’oro alle nostre ragazze.

Festa anche per i nostri ragazzi Gianluca Denti, Tommaso Baresi, Francesco Maria Gallo e Gianmarco Messina. Bravissimi a vincere la seconda serie in 41.20, ma l’oro sfuma perché nella serie precedente l’Athletic Blub 96 Alperia ha corso in 41.19.

Dalle batterie mattutine dei 400, approdano alla finale Francesco Rossi (47.56), Andrea Panassidi (47.63) e Giorgio Isacco (48.61). Resta fuori solo Federico Sbarsi, 21° con 49.76, che avrà modo di presentarsi pieno di energie per la staffetta del miglio che chiuderà i campionati.

Niente finale invece per i velocisti impegnati nei 100: Tommaso Baresi 10.74, Francesco Gallo 10.80, Gianmarco Messina 10.86 e Federico Manini 10.88. Prima dell’exploit nella staffetta, arriva il personale di 12.11 per Lucrezia Lombardo nelle terza serie.

Nel lancio del martello, buon 6° posto finale per Paola Castaldi con 51.73. Nelle batterie dei 400hs, Giulia Piazzi è quinta al traguardo con 1:06.36 sfiorando il personale.

Dopo un’apertura così emozionante, la seconda giornata di domenica 12 giugno dei Campionati Italiani Promesse di Firenze non ha deluso le aspettative.

Ancora una volta, la staffetta 4×400 si dimostra la specialità di casa. I nostri ragazzi erano i favoriti, ma è sempre un ruolo scomodo e complesso quello di mantenere le aspettative. I nostri Federico Sbarsi, Giorgio Isacco, Francesco Rossi e Andrea Panassidi (sopra, nella foto Grana/Fidal)si sono messi al collo la medaglie d’oro, conquistata a ritmo di 3:14.33. Sfida serrata contro Atletica Vicentina e Studentesca Rieti, ma con Rossi bravo a compiere il sorpasso decisivo a metà della frazione, azione che ha dato la svolta a una situazione piuttosto fluida.
L’oro nell’ultima gara del programma è stato il giusto crescendo di una giornata ricca di medaglie. La prima è arrivata nella mattina da Silvia Gradizzi nei 3000 siepi, un terzo posto con il tempo di 10:37.35, vicino al suo primato fatto quest’anno.

Si sale alla medaglia d’argento con Andrea Panassidi nei 400m, che già al Challenge Nazionale aveva dato segno di essere in ottima forma, che ha corso in 47.47. Nella stessa finale ci sono anche Francesco Rossi, 5° con 47.76, e Giorgio Isacco 6° con 48.85.

Primato personale per la già protagonista della staffetta 4×100 di ieri, Lucrezia Lombardo, che si migliora nei 200m di 1 centesimo ma che purtroppo resta la prima esclusa dalla finale (9°, 24.73).

Il Cus Pro Patria torna da questo fine settimana di Campionati Italiani Promesse con un ricco bottino di titoli individuali e di squadra. Ci auguriamo che i compagni di squadra più giovani possano prendere esempio per replicare l’impresa ai Campionati Italiani Allievi a Milano del 17-19 giugno.

(riprendiamo l'articolo del nostro sito istituzionale)



12/06/2022


Per lasciare un commento devi essere un utente registrato

commenti []

 
L M M G V S D
    01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. OK